Blog

10 suggerimenti per la progettazione di stand fieristici

Soprattutto dopo l’estate, è tempo di reinventarsi nella programmazione di eventi, manifestazioni e fiere ed è il momento di sedersi a tavolino, con un blocco e una penna, per mettere per iscritto le vostre idee. Scrivere è un suggerimento che vi diamo, in modo che nessuna idea sfugga e possiate valutare quale sia l’idea migliore e quale, è meglio tralasciare.

Qui di seguito vi daremo 10 suggerimenti, ovvero delle piccole strategie: i dettagli troppo spesso vengono trascurati, eppure sono loro a fare la differenza e a rendervi “diversi”.

 

1. Ottimizzate il vostro spazio

L’impatto visivo è importantissimo, pertanto abbiate una visione di insieme dello spazio che avrete a disposizione. Domandatevi se è tutto in ordine, se le persone hanno abbastanza spazio per passare, per avvicinarsi, per vedere. Se dovrete far sedere una persona, verificate che sia veramente comoda e se avete a disposizione sono sgabello, valutate se si sente a suo agio.

Serve uno spazio colloquio dove le persone di passaggio non disturbano? Oppure uno spazio magazzino magari non visibile al pubblico per evitare disordine? Vi serviranno delle attrezzature da richiedere? Create una lista e al contempo valutate cosa non rientra nel vostro spazio e se non è indispensabile, fatene a meno.

 

2. Valutate la posizione e le dimensioni migliori

La scelta delle dimensioni dello stand è direttamente proporzionale con il budget che avrete a disposizione, tuttavia dovete valutare bene queste varianti, poiché possono rivelarsi determinanti. Appena potrete, date un’occhiata alla cartina degli stand e vi suggeriamo una chicca: se avete la possibilità di mettervi a fianco a un grande brand, fatelo, poiché vi garantirà visibilità. All’opposto, stare vicino a un bar di certo attirerà folla, ma per voi può trattarsi un elemento negativo, poiché le persone creeranno confusione, disturbando la vostra performance.

Valutate anche l’altezza dello stand, soprattutto se avrete delle attrezzature, delle insegne o dei roll up da posizionare in alto, per aumentare ulteriormente la visibilità.

 

3. Spesso “Less is More”

Si tratta di una regola che, quando sorge un dubbio, vale sempre: è meglio qualcosa in meno che in più. L’eccesso può dare un’immagine pacchiana, pesante o disordinata e questo vale, prima di tutto, nel caso degli allestimenti, che devono essere ben progettati, essenziali, concisi e d’impatto (è sempre meglio farvi consigliare da degli esperti); qualsiasi cosa venga esposta, non deve essere eccessiva, sia che si tratti prodotti, di promozione di servizi o di beni. In secondo luogo, less is more vale anche per i messaggi scritti, i banner e i testi: siate concisi e brillanti, poiché le persone che partecipano alle fiere vedono e leggono tantissime cose, non presteranno mai attenzione a lunghi testi e pertanto vi ignoreranno.

 

4. L’illuminazione dello stand è fondamentale

Non sottovalutate l’impatto che l’illuminazione dello stand avrà sui visitatori. È superfluo sottolinearlo nel caso in cui, ad esempio, vi occupiate del settore dell’illuminazione, poiché potrete creare tutta una serie di giochi di luce che attrarranno e incuriosiranno le persone. Nel caso in cui invece, ad esempio, stiate presentando un nuovo prodotto, servizio o brand, potrebbe essere di forte impatto concentrare le luci su di esso, ancora meglio se sono colorate.

 

5. Usate le immagini

La Microsoft lo sa benissimo ed infatti, spesso, per lanciare un messaggio complicato, anziché utilizzare articolati discorsi, si affida a delle semplici immagini. Perché? Innanzitutto, perché le immagini vengono captate con maggiore facilità e si ricordano meglio; in secondo luogo, perché si tratta di eventi dinamici, nei quali le persone sono bombardate da frasi, scritte e tante parole. Usate le immagini nei banner, negli slogan, nei volantini che avrete preparato ad hoc e che vi faranno ricordare dai visitatori.

 

6. Valutate l’uso delle attrezzature

Dopo aver valutato bene gli spazi, è il momento di valutare l’utilizzo delle attrezzature, pertanto saranno funzionali i roll-up (se li avete già, riutilizzateli, potrete risparmiare sul badget e utilizzarlo per altro), espositori (ne esistono di tante forme e strutture). Esistono anche le strutture POP UP, che adoperano una grafica su tessuti eleganti e rifiniti. Potrete avvalervi anche di totem di materilali vari e personalizzabili. Considerate la postazione colloquio: servono sedie o tavolini? Ne esistono di economici, anch’essi personalizzabili e richiudibili.

 

7. Un gadget per i contatti

Spesso viene destinata una parte del budget alla creazione di gadget da dare ai contatti e tuttavia, buona parte di questi oggetti finiscono nella spazzatura: questo accade perché si tratta di prodotti poco interessanti, talvolta anonimi.

Valutate la scelte dell’omaggio puntando su soluzioni che siano qualcosa di desiderate e originali: le penne non sono tutte uguali, ad esempio oppure, se vi occupate di cosmetica o di make-up puntate sui campioncini di diverse tipologie, da far provare ai vostri potenziali clienti. Insomma, siate creativi e mai banali!

 

8. Scegliete il team giusto

Durante l’organizzazione di uno stand è fondamentale essere affiancati dai collaboratori giusti, quelli di fiducia: deve trattarsi di un vero team. Deve esserci la figura che attrae le persone nello stand e ad esempio, non ci si aspetta che un responsabile approcci i visitatori.

Badate al fatto che tra di voi ci sia un clima amichevole, sereno e gioviale, perché si tratta di un sentimento empatico che dovrete trasmettere anche a chi interagirà con voi.

 

9. Il vostro obiettivo è di fare contatti

Non scordate perché avete deciso di avere uno stand in una fiera: dovete creare contatti. Dovete colpire e quindi la comunicazione e l’interazione con le persone devono essere curate nei minimi dettagli, dovrete dare una vostra immagine che sia brillante e non importa che tantissimi visitatori conoscano la vostra azienda, giacché sarà più importante che andiate via con il riferimento di tanti nuovi potenziali clienti e creare un follow up.

Creare una call to action è fondamentale: si tratta di un contatto via email? O lo vorrete indirizzare sul vostro sito web? Preparate dei flyer e dei biglietti da visita ad hoc.

 

10. Concentratevi sul vostro pubblico e attraetelo

Nel momento in cui avrete intenzione di partecipare a una fiera, ricordatevi sempre che dovrete essere impeccabili; dovrete essere attrattivi, interessanti, le vostre argomentazioni devono essere brillanti, quindi sarete preparati, al punto che il visitatore deve essere portato a pensare che sia lui a scegliere voi e non che siate voi ad avere creato una strategia sottile, studiata e impeccabile per attirarlo a voi.

 

Se siete ancora inesperti e non volete rischiare sparare in mezzo al mucchio, potrete trovare un valido punto di riferimento nella nostra azienda: ICB Allestimenti saprà accompagnarvi in maniera professionale dalla progettazione alla gestione del vostro stand fieristico. Contattateci oggi stesso attraverso il nostro sito: https://www.icballestimenti.it/